7
set

3 modi per comprare casa senza mutuo

Sono tante le possibilità di acquistare casa senza per forza dover accendere un mutuo: dal leasing immobiliare, alla vendita con riserva di proprietà, al rent to buy. Ecco i pro e i contro, come scrive InvestireOggi.it.

Il leasing immobiliare
Introdotto dalla legge di Stabilità 2016 e le nuove norme si applicano dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020. Secondo quanto stabilito, con il contratto di leasing immobiliare la banca o l’intermediario si obbligano ad acquistare l’immobile o farlo costruire, su scelta e indicazione del soggetto utilizzatore, a disposizione del quale l’immobile è posto per un dato tempo e verso un corrispettivo che deve tener conto del prezzo di acquisto o di costruzione e della durata del contratto. Alla scadenza del contratto l’utilizzatore ha la facoltà di acquistare la proprietà del bene a un prezzo prestabilito. Si tratta di una formula particolarmente conveniente per i giovani under 35, poiché la legge di Stabilità ha previsto a determinate condizioni (reddito annuo inferiore ai 55mila euro e destinazione dell’immobile entro un anno ad abitazione principale), una detrazione del 19%.

La vendita con riserva di proprietà
Questa modalità prevede che il venditore mantenga la proprietà fino al versamento integrale della cifra stabilita, solo a questo punto avviene il passaggio di proprietà effettivo a favore dell’acquirente. Nel caso in cui non si onori il pagamento il venditore può richiederne la risoluzione, restituendo i soldi ricevuti, ma mantenendo il diritto al risarcimento per il danno subito e a un equo compenso per l’uso dell’immobile da parte dell’acquirente. Questa formula rappresenta un vero e proprio atto di compravendita, ragion per cui le imposte relative alla vendita si pagano subito.

Il rent to buy
Si tratta di uno strumento che permette all’acquirente-inquilino di disporre immediatamente dell’immobile, a fronte del pagamento di un canone di cui una parte è da imputare all’utilizzo e un’altra al prezzo finale di vendita. Sempre nel caso in cui ci sia conferma da parte del conduttore-acquirente. Nonostante il rent to buy sia uno strumento estremamente valido per chi non dispone della liquidità sufficiente e abbia difficoltà di accesso al credito, si tratta comunque di una forma contrattuale ancora poco utilizzata e che presenta tante ombre quante luci.

Nessun commento.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.