1
lug

La corretta valutazione di un immobile da vendere. Perchè è importante?

Cerchiamo di capire cos’è la valutazione immobiliare. Il valutatore immobiliare è colui che ha il compito di determinare un elemento patrimoniale dell’immobile, quasi sempre si tratta valore di mercato. I risultati dell’attività del valutatore vengono poi riportati nella perizia di stima, che costituisce il cuore della valutazione immobiliare. Con il tempo, un’attenta e precisa attività di valutazione immobiliare è divenuta sempre più importante. Trasparenza, qualità e professionalità sono diventati elementi imprescindibili.
Ma quali sono i requisiti che deve possedere un valutatore immobiliare? Deve aver maturato un’esperienza nel settore di almeno tre anni, deve possedere conoscenze in estimo, principi di economia e mercati immobiliari, sistema catastale, certificazione ambientale e, più in generale, competenze in diritto urbanistico, fiscalità immobiliare, matematica finanziaria, statistica, scienza e tecnica delle costruzioni. Il valutatore, inoltre, deve possedere le competenze necessarie a effettuare la valutazione in modo appropriato.A livello nazionale, i valutatori immobiliari possono essere professionisti iscritti ad albi o registri (architetti, ingegneri, geometri, periti industriali, agronomi), società di valutazione immobiliare, agenti immobiliari, periti esperti iscritti presso le Camere di Commercio, studi associati di professionisti.

Quella del valutatore immobiliare, però, non è un’attività semplice. E’ necessario poi effettivamente capire qual’è l’esigenza del cliente che incarica un esperto per effettuare la valutazione dell’immobile. Facciamo un paio di esempi:

- Esigenza del cliente di vendere l’immobile: in questo primo caso il professionista più adatto ad effettuare la valutazione immobiliare è senza ombra di dubbio l’agente immobiliare, in quanto è il professionista che più di tutti ha il polso della situazione e conosce a fondo l’andamento in tempo reale del mercato immobiliare. Purtroppo non sempre la valutazione di quest’ultimo è in linea con le aspettative del cliente che, il più delle volte, va a sommare al valore dell’immobile una componente “affettiva” che ai sui occhi (e purtroppo solo ai suoi), porta l’immobile ad un valore molto più alto rispetto a quello effettivo di mercato. Per cui se l’obiettivo è vendere (e quando è così si desidera farlo anche piuttosto velocemente il più delle volte), la cosa migliore è sempre rivolgersi al prioprio agente immobiliare di fiducia per una corretta valutazione del cespite da alienare.

- Esigenza del cliente di quantificare il valore di un immobile per motivi di divisione ereditatia: in questo caso uno qualsiasi dei professionisti sopra indicati potrà essere idoneo alla valutazione di un immobile. Infatti essendo l’unico obiettivo quello del professionista di espletare il servizio a fronte del pagamento delle proprie spettanze, verranno tenute in considerazione una serie di parametri più vasta, con il risultato di determinare un valore che può anche discostarsi notevolmente dall’andamento dei prezzi tenuto dal mercato immobiliare in quel momento e che al tempo stesso si avvicinerà invece ad un prezzo medio dell’immobile su un andamento di mercato storico.

 

Nessun commento.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.